之 La variante JN1 in continua crescita perch矇 non dovremmo ignorare il riaffiorare del COVID-19 之

In questo momento c'癡 un aumento significativo dei casi della variante JN1 di COVID, ma a differenza degli anni precedenti della pandemia, il panico e l'incertezza diffusi iniziali sono stati in gran parte sostituiti dalla compiacenza a livello globale.

La nuova ondata di COVID ci ha resi compiacenti invece che allarmati.

12 gennaio 2024 – Starnuti, tosse, fiato corto – sembra che tutti i tuoi conoscenti siano malati di qualche tipo di virus respiratorio in questo momento. Attualmente, negli Stati Uniti stiamo affrontando una serie di queste malattie, con visite dal medico per i virus respiratori in aumento nelle ultime settimane. I dati dal sistema di sorveglianza delle acque reflue dei CDC mostrano che siamo nella seconda ondata pi羅 grande di COVID della pandemia, con il ceppo JN1 che rappresenta circa il 62% dei ceppi circolanti del virus COVID-19 al momento.

Allora perch矇 sembra che nessuno se ne preoccupi?

La pandemia 癡 ancora con noi

Nell’ultima settimana di dicembre, quasi 35.000 americani sono stati ricoverati per COVID. Si tratta di un aumento del 20% negli ingressi in ospedale nell’ultima settimana, come mostrano i dati dei CDC. Allo stesso tempo, quasi il 4% di tutte le morti negli Stati Uniti sono state causate dal COVID, con un aumento del 12,5% del tasso di mortalit nell’ultima settimana.

Questa ondata di varianti JN1 presenta i numeri di ricoveri pi羅 alti da quasi un anno. Il 7 gennaio 2023 c’erano pi羅 di 44.000 ricoveri. Non si sa quando questa tendenza al rialzo dei ricoveri e delle morti si stabilizzer o diminuir, ma per ora la tendenza 癡 solo in aumento.

Circa il 12% delle persone che segnalano i risultati del loro test per COVID sono risultate positive, anche se il numero 癡 probabilmente pi羅 alto, data la popolarit dei test a domicilio.

Perch矇 non ci sono campanelli d’allarme?

Se i numeri fossero aumentati cos穫 in questi ultimi uno o due anni, sarebbe stato in prima pagina. Ma a differenza degli anni iniziali dell’esperienza COVID, l’allarme condiviso e l’incertezza globale sono stati in gran parte sostituiti dalla compiacenza e dalla “stanchezza pandemica”.

Molti di noi preferirebbero andare avanti.

Per le persone a rischio pi羅 elevato, come gli anziani americani e coloro che hanno patologie, questa non 癡 un’opzione praticabile. E per coloro che vivono con qualcuno a rischio, continuiamo a indossare le mascherine, a mantenere le distanze e a lavarci spesso le mani.

Con la compiacenza verso il COVID cos穫 diffusa e l’emergenza pandemica ufficialmente conclusa, la risposta di tutti alla pandemia sta diminuendo. Ci簷 significa meno esperti malattie infettive, ricercatori scientifici e risorse governative dirette esclusivamente al COVID. Quindi, dove ci troviamo adesso?

“Il rischio non 癡 cos穫 alto, ma 癡 comunque presente”, ha detto Adjoa Smalls-Mantey, MD, DPhil, una psichiatra con sede a New York.

Un motivo della compiacenza verso il COVID 癡 che “il rischio di morte imminente 癡 scomparso rispetto a quando non sapevamo molto del COVID o non avevamo ancora un vaccino”, ha detto Smalls-Mantey. “Le persone sono anche pi羅 compiacenti perch矇 non vediamo i promemoria della pandemia ovunque, movimenti limitati intorno a ristoranti, musei e altri luoghi di incontro”. Lo stesso vale per promemorie forti come lockdown e quarantene.

Molte cose sono cambiate con il COVID. Non stiamo vedendo lo stesso numero di morti o ricoveri legati al virus come un tempo, e i sistemi sanitari non sono invasi dai pazienti, ha detto Daniel Salmon, PhD, MPH, un vaccinologo del Dipartimento di Salute Internazionale e del Dipartimento di Salute, Comportamento e Societ presso la Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health di Baltimora.

“Ma il COVID 癡 ancora l fuori”, ha detto.

Un’altra cosa che contribuisce alla compiacenza 癡 che la maggior parte delle persone ha avuto il COVID adesso o almeno 癡 stata vaccinata nella serie originale. Ci簷 pu簷 essere rassicurante per alcuni, “ma la verit 癡 che la protezione dal COVID e la protezione dal vaccino diminuiscono nel tempo”, ha proseguito.

L’uso delle mascherine 癡 pi羅 normalizzato ora

A causa della nostra esperienza con il COVID, pi羅 persone sanno come si diffondono i virus respiratori e sono disposte a prendere precauzioni, dicono gli esperti. Il COVID ha normalizzato l’uso di mascherine in pubblico. Quindi sembra che pi羅 persone stiano prendendo precauzioni anche contro altre minacce virali come il raffreddore comune, l’influenza e il virus respiratorio sinciziale (RSV).

Penso che le persone siano pi羅 caute: si lavano le mani pi羅 spesso e sono pi羅 consapevoli di stare in luoghi affollati. Quindi, in generale, la consapevolezza della trasmissione del virus 癡 aumentata,” ha detto Smalls-Mantey.

La tolleranza individuale al rischio guida anche l’uso delle misure di protezione. “Nella mia esperienza, le persone che tendono ad essere pi羅 ansiose sono anche pi羅 ansiose per il COVID,” ha detto Smalls-Mantey. Di conseguenza, sono pi羅 propensi a moderare il loro comportamento, evitare folle e rispettare il distanziamento sociale. In contrasto, c’癡 il gruppo “va tutto bene” – persone che vedono il loro rischio legato al COVID come inferiore e pensano di non avere gli stessi fattori di rischio o la necessit di adottare le stesse precauzioni.

Un Mix di Ottimismo e Pessimismo?

“Ci troviamo in una situazione a met tra il bicchiere mezzo pieno e il bicchiere mezzo vuoto” mentre ci avviciniamo al quarto anniversario della pandemia di COVID, ha detto Kawsar Rasmy Talaat, MD, specialista in malattie infettive e salute internazionale presso la Johns Hopkins University.

La nostra nuova agilit, o capacit di rispondere rapidamente, include sia la nuova tecnologia vaccinale sia la risposta mostrata dalla FDA di fronte all’emergere di nuove varianti del COVID.

D’altra parte, collettivamente siamo bravi a rispondere a una crisi, ma meno bravi a prepararci per una futura emergenza, ha detto. “Non siamo molto bravi a pianificare la prossima variante del COVID o la prossima pandemia.”

E il COVID non si diffonde da solo. L’influenza “sta impazzendo in questo momento,” ha detto Talaat, “quindi 癡 molto importante vaccinarsi il pi羅 possibile.” Gli americani possono proteggersi dalla variante COVID JN1, proteggersi dall’influenza e, se hanno pi羅 di 60 anni e/o altre condizioni mediche, ricevere un vaccino per prevenire il RSV.

Il Futuro 癡 Incerto

Il nostro track record risponde positivamente alla minaccia del COVID, ha detto Antoine Flahault, MD, PhD, direttore dell’Istituto di Sanit Globale presso l’Universit di Ginevra in Svizzera. “Nel mondo sono gi emerse circa 2000 nuove varianti diverse del virus SARS-CoV-2 che causa il COVID, e il gioco non 癡 ancora finito.”

Riguardo alla minaccia futura, “non sappiamo se tra le nuove varianti emergenti, una di esse sar molto pi羅 pericolosa, potrebbe sfuggire all’immunit e ai vaccini esistenti e innescare una nuova pandemia,” ha detto Flahault, autore principale di un commento di giugno 2023 sul giornale Lancet, intitolato “Niente Tempo per la Complacenza sul COVID-19 in Europa”.

Flahault ha descritto la risposta della sanit pubblica alla pandemia come in gran parte efficace. “Tuttavia, probabilmente possiamo fare meglio, almeno possiamo cercare di fare meglio contro il SARS-CoV-2 e tutti i virus respiratori che rappresentano un grande onere per le nostre societ.” Ha detto che un miglioramento della qualit dell’aria negli spazi interni potrebbe fare molto.

“Abbiamo imparato dalla pandemia che i virus respiratori si trasmettono quasi esclusivamente attraverso particelle fini aerosolizzate quando respiriamo, parliamo, cantiamo, tossiamo o starnutiamo in spazi interni poco ventilati e affollati,” ha detto Flahaut. Se vogliamo essere migliori preparati, 癡 ora di agire. “ ora di proteggere le persone dall’acquisizione di agenti respiratori, e questo significa migliorare drasticamente la qualit dell’aria negli spazi interni.”

Talaat 癡 ancora un po’ pessimista sul futuro, credendo che non sia questione di se avremo un’altra emergenza sanitaria come il COVID, ma quando. “Dobbiamo essere meglio preparati per la prossima pandemia. solo questione di tempo.”

Tempo di Interagire!

Ti preoccupa la ripresa del COVID? Condividi i tuoi pensieri ed esperienze nei commenti qui sotto. Rimaniamo informati e teniamoci al sicuro! E se hai trovato questo articolo utile, perch矇 non condividerlo con amici e familiari sui social media? Insieme, possiamo navigare attraverso questi tempi sfidanti!


Riferimenti: